lunedì 1 ottobre 2018

Blind Date. Concert in the Dark

Se ci mettiamo a parlare in una stanza buia, le parole assumono nuovi significati, scriveva il filosofo canadese Marshall McLuhan. 

Immaginate ora che invece delle parole ci sia la musica.

Riparte dal Conservatorio di Milano la tourneé di Blind Date - concerto al buio, format ideato nel 2009 da Cesare Picco, pianista e compositore e promossa da CBM Italia con una duplice funzione: certamente sensibilizzare il pubblico sul problema della cecità ma anche far provare un'incredibile esperienza d ascolto.
Quante volte per concentrarci abbiamo chiuso gli occhi?
Quando tutto intorno a noi è buio, è il corpo nella sua totalità a metterci in ascolto, appunto, e in relazione con il mondo.


Con questa iniziativa CBM Onlus vuole provare a raccontare attraverso la magia della musica un universo che solitamente non è considerato bellezza: il buio della cecità e della malattia.
Così Massimo Gozzo, direttore di CBM Onlus:

“CBM ogni giorno si impegna nei Paesi del Sud del Mondo affinché il buio ridiventi luce. La tournée con Cesare Picco, così come tutte le nostre iniziative, sono volte a sensibilizzare l’opinione pubblica su cosa significa per una persona, adulto o bambino che sia, riacquistare la vista. Ecco perché il ‘Blind Date’ è un viaggio sensoriale unico, un’emozione intensa, un’esperienza che non può fermarsi, esattamente come non si ferma il nostro lavoro sul campo: essere ciechi in un Paese povero significa rischiare la vita ogni giorno”.

Presente al Blind Date di Milano anche l’illustratore catalano ROGER OLMOS, autore del libro LUCIA edito da CBM e #logosedizioni. Il concerto sarà l’occasione per ascoltare dall’autore stesso come è nata l’idea di raccontare la quotidianità di Lucia, una bambina non vedente che vive in un mondo colorato e sincero, perché libero dalla tirannia dell’immagine.


Il concerto è gratuito con prenotazione obbligatoria: https://www.cbmitalia.org/blind-date/tour/

@Angela Pastore

Lo hai trovato interessante? Condividi con i tuoi contatti: